Le prodezze di Pasqua della suocera e le code di gambero ai pistacchi

0

Delle volte, credo di essere finita in un girone dantesco, altre volte, dopo il primo bicchiere di vino fatto in casa dal suocero di mia suocera, vedo tutto annebbiato e mi pare di essere finita in un film di Totò, quello dove lui si mette la pastasciutta nelle tasche…. invece più semplicemente, siamo a pranzo da mia suocera.
In genere, io e il mio ragazzo cominciamo a preoccuparci il giorno prima, quando lei al telefono ci dice di non aver fatto niente di chè….
Nelle case delle persone normali, cucinano un primo e un secondo, ma qui, ci troviamo di fronte ad una malattia di nuova generazione chiamata Clericite, si manifesta in genere sotto il periodo delle feste, con forti pruriti alle mani e allucinazioni olfattive.
Mia suocera purtroppo ne è stata colpita, si può curare, oscurando per alcuni mesi il canale dove la signora Clerici trasmette oppure mettendo due piattini da caffè sugli occhi del malato.Code di gambero  gratinate ai pistacchi

1 confezione di code di gambero
80 gr. di pangrattato
20 gr.circa di pistacchi salati da sgusciare
pepe bianco
olio extravergine di oliva
Sgusciate le code di gambero, sbriciolate nel mixer i pistacchi, mettete il pangrattato, aggiungete il sale, il pepe e un filo di olio extra vergine di oliva, mescolate bene in una ciotola.
Passate i gamberoni nel composto che avete preparato e adagiateli sulle terrine monoporzione.
Cuocete in forno a 180° per 5 minuti.

Ecco l’antipasto
Tortelli ricotta e spinaci e tortelli con ripieno di patate al ragù
Polenta ai 4 formaggi, più la salsiccia
Agnello in umido
Il mio figliolo, già visibilmente stordito dal tortello al sugo
I dolci…

Pranzo della suocera, fotografie Cinzia Bardelli