I mostruosi biscotti di chef Diego e il concertino di Natale

0

 

Diciamoci la verità, o quanto saranno pallose le recitine dei bambini a Natale, il mio bimbo ha 4 anni e pochi giorni fa, siamo stati costretti a sentire un’ora di repertorio nel teatrino del paese, è stato allucinante, davanti alla porta d’ingresso le maestre, tipo buttafuori delle discoteche, facevano entrare solo i bimbi perché dovevano agghindarli per la cantata e i parenti tutti fuori ad accalcarsi per prendersi un posto nelle prime file per assistere al primo concerto del loro beniamino, scene tipo ingresso al concerto dei Pink floyd a Venezia, dove tritarono tutto….le più agguerrite come al solito, le nonne, che fingevano malori nella speranza di entrare prima e finire in prima fila….

Quando poi siamo riusciti ad entrare  e il sipario si è aperto, ho notato subito mio figlio con le dita nel naso tutto preso nelle famose pulizie di Natale, ha aperto bocca poche volte e dopo non appena 10 minuti, eccolo tentare una fuga a piccoli passi indietro nella speranza di uscire dalla tenda nera, puntualmente però la mano della maestra sbucava dal buio e lo spingeva in avanti obbligandolo a cantare  ancora un pezzo….

Frollini al cocco con gocce di cioccolato
Ingredienti

500 gr farina 00
200 gr burro
200 gr zucchero
3 uova
100 gr farina di cocco
1/2 bustina lievito
i semini di una stecca di vaniglia
100 gr di gocce di cioccolato

mettete nella ciotola il burro a temperatura ambiente e la farina, impastate velocemente,unite le uova, lo zucchero, il cocco,( le gocce di cioccolato se volete) il lievito e i semini di vaniglia.
avvolgete l’impasto nella pellicola trasparente e mettete in frigo a riposare per circa 30 minuti.
Dopodichè, fate la sfoglia aiutandovi con due fogli di carta forno e un mattarello, evitando così che la sfoglia si appiccichi.
Prendete le formine e adagiate i vostri biscotti su una teglia da forno ben distanziati tra loro, cuocete in forno preriscaldato per circa 20 minuti a 180°. controllateli comunque.

Ricetta, figliuolo e fotografia Cinzia Bardelli